Edoardo Cerea - musica da tavoli

Edoardo Cerea - musica da tavoli

Creato: Wed, 14/02/2018 - 17:41
di: Torino
Quando:
Sun, 25/02/2018 - 20:30
Proposto da : Molo di Lilith
Edoardo Cerea - musica da tavoli

Edoardo Cerea

Si può ascoltare musica senza dividere artisti e pubblico con un palco, una sala, una platea. Si può fare con lo spettacolo ad altezza tavoli, con il pubblico ad altezza bicchieri.
Si può informalmente, senza barriere, conviviale, senza regole.
 

con la partecipazione di Miriam Gallea

 


Edoardo Cerea debutta come autore, dopo una lunga gavetta da interprete, nel 2004 con l’album “Come se fosse normale“. Quest’opera prima è il risultato del curioso incontro, avvenuto nel 1999, fra l’universo musicale “americano” di Cerea e quello letterario più “italiano” di Marco Peroni, l’autore di tutti i testi delle canzoni, nonché membro fondatore de” Le Voci Del Tempo”, band che racconta la storia attraverso canzoni parole e disegni.
Nel frattempo è anche la voce del fortunato tributo a Luigi Tenco “L’aria triste che tu amavi tanto” , uno spettacolo allestito dalla prestigiosa compagnia torinese Assemblea Teatro. Di questo spettacolo sono stati realizzati due CD e un TOUR TEATRALE di 2 anni in tutta Italia.

Il 29 gennaio 2008 esce “Disperanza“, il nuovo disco. L’album getta uno sguardo sul mondo della cosiddetta “Generazione 1000 euro”: nelle tracce del disco incontriamo desideri e paure di questa generazione, in costante oscillazione tra luce ed ombra.

Nel giugno 2010 prende vita l’idea di realizzare un progetto acustico in trio che diventa un mini album “Edoardo Cerea acoustic trio“!
Nell’estate 2011, in occasione del 150enario dell’unità d’Italia, esce su iniziativa del Comune il progetto PIACENZA PRIMOGENITA. Considerando che Piacenza (detta LA PRIMOGENITA) è stata la prima città ad aderire, vengono invitati 6 cantautori piacentini a scrivere un brano che abbia un riferimento storico su PIACENZA PRIMOGENITA ma in epoche diverse. Edoardo Cerea sceglie di comporre una canzone ispirandosi alla storia del partigiano Lino Vescovi (detto il Valoroso). Il titolo del brano sarà appunto” Il Valoroso” e nel dicembre di quell’anno esce la compilation contenente il brano.
alla fine di Aprile 2013 Edoardo Cerea entra in studio di registrazione per realizzare il nuovo progetto dei MR. LUCKY dal titolo“Around The Blues”.Quella dei Mr. Lucky è una storia di amicizia e passione, nata nel lontano 1999 e che dopo quasi quindici anni di esibizioni live, danno alla luce i il loro primo disco autoprodotto.

A fine dicembre 2013 Edoardo Cerea partecipa al progetto  :  cantiAMO Piacenza : un sogno, una terra, un cofanetto multimediale. Le associazioni Airbag e Kastaproject in collaborazione con Concorto Cinematica hanno pensato di unire le forze per tentare di creare un legame con la nostra terra ma, soprattutto, per raggiungere un importante obiettivo: CREARE OPPORTUNITA’ CONCRETE DI LAVORO PER I GIOVANI DI PIACENZA.

Come? Coinvolgendo decine di musicisti (tra strumentisti e cantanti) per realizzare un cofanetto multimediale dedicato a tutti i piacentini ma, in particolar modo, a coloro che risiedono all’estero, cui dedichiamo una canzone, un racconto, un cortometraggio in cui sono racchiusi i suoni, le storie, le immagini, i sapori di un territorio che amiamo, del quale andiamo orgogliosi.
Nei primi mesi del 2014 Cerea incide un nuovo brano dal titolo “Oggi mi va di crederci”. Il brano viene arrangiato dal chitarrista e produttore Fabrizio Barale (Ivano Fossati, Yo Yo Mundi) e questo fortunato incontro getterà le basi per la realizzazione del nuovo album di inediti che avverrà tra marzo e aprile 2015 e inciso in parte all’Elfo Studio e in parte al Piave 34 Studio a Cuneo.
L’uscita dell’album dal titolo “E’ meglio se continuo a cantare” avviene il 18 ottobre 2015: tra le tracce, anche un brano cantato in duetto con Francesco Di Bella ( 24 Grana ).

Il 6 ottobre 2017 finalmente si parte, destinazione Uruguay, per una mini tournée di 4 serate dedicate ad un omaggio a Luigi Tenco, che si terranno a San Josè de Mayo e Montevideo, nell’ambito del festival internazionale FIDAE. 
Il coronamento finale di un’avventura iniziata circa 25 anni fa.

 

 

Miriam Gallea, classe 1992, alla chitarra e al mandolino, ha preso parte a diverse realtà rock e Blues della scena torinese come chitarrista e cantante. Negli ultimi anni ricerca una sonorità più cantautoriale, attraverso inediti e cover di stampo più acustico.

Luogo: sala teatro