Solidarietà alla Sea Watch: ribellarsi è un dovere!

Solidarietà alla Sea Watch: ribellarsi è un dovere!

Creato: Sun, 30/06/2019 - 12:11
di: Torino
Solidarietà alla Sea Watch: ribellarsi è un dovere!

Quando l'ingiustizia è legge ribellarsi è un dovere: solidarietà alla Sea Watch.

Dopo due settimane al largo delle coste italiane la Sea Watch ha deciso di attraccare violando le disposizioni del decreto sicurezza bis. La capitana Carola Rackete è attualmente agli arresti in attesa del processo previsto per lunedì, la nave sotto sequestro, i migranti e le migranti in attesa di essere smistat* tra cinque paesi europei.

Questa vicenda dimostra come il razzismo, il sessismo, la propaganda violenta siano elementi strutturali della società immaginata dal governo italiano, disposto a giocare la sua partita con un'Europa cinica e arroccata sui suoi privilegi sulla pelle di quaranta persone.

A questi progetti di una minoranza agguerrita nel difendere i propri privilegi l'unica risposta possibile è quella della capitana Carola, che ha deciso di violare la legge ingiusta in virtù della solidarietà e della resistenza al progetto politico e sociale pentaleghista. Un progetto che vuole sprofondare il paese nell'odio, utile a ravvivare costantemente la guerra tra poveri senza risolvere i veri problemi della gente: la mancanza di tutele sul lavoro, i tagli ai servizi, i regali alla parte più ricca di questo paese, La discriminazione e la detenzione de* migrant* nei CPR su basi razziali e di classe, la messa in sicurezza dei territori, la lotta al cambiamento climatico, l'abbattimento delle discriminazioni di genere.

Per questi motivi chiediamo a tutte e tutti di prendere posizione e di incontrarci in piazza castello, sotto la prefettura, per mandare un messaggio chiaro al governo e allo Stato: la solidarietà non si arresta, se toccano una toccano tutt*.

#SeaWatch #FreeCarola #OpentheBorders #RefugeesWelcome

https://www.facebook.com/events/1313048992187752/