Gian Maria Volonté" di Mirko Capozzoli al B-locale

Gian Maria Volonté" di Mirko Capozzoli al B-locale

Creato: Tue, 19/02/2019 - 13:08
di: Torino
Quando:
Tue, 19/02/2019 - 21:00
Gian Maria Volonté" di Mirko Capozzoli al B-locale

Martedì 19/2, alle 21 dopo l'aperit, Mirko Capozzoli presenterà il suo libro "Gian Maria Volonté", pubblicato da add editore.
Dialogherà con l'autore il regista Davide Ferrario.
In collaborazione con la libreria Città del Sole.
Ingresso riservato ai soci Arci Torino.

«Io accetto un film o non lo accetto in funzione della mia concezione del cinema. E non si tratta qui di dare una definizione del cinema politico, cui non credo, perché ogni film, ogni spettacolo, è sempre politico.»

È stato l’operaio Lulù Massa e il bandito Cavallero, Enrico Mattei e Lucky Luciano, Aldo Moro e l’anarchico Bartolomeo Vanzetti, Teofilatto dei Leonzi dell’Armata Brancaleone, El Indio di Per qualche dollaro in più:
Gian Maria Volonté ha costruito il film della sua vita attraverso grandi collaborazioni e incredibili rifiuti, spesso al fianco di donne straordinarie. Un viaggio lungo poco più di sessant’anni, cominciato durante il ventennio fascista, a Torino, e chiuso all’alba del primo governo Berlusconi. Ma chi era davvero Gian Maria Volonté? Emigrante in Francia per fuggire da un padre ingombrante e dalla gente che lo fermava perché figlio di un fascista, i carri di Tespi, l’Accademia d’arte drammatica di Roma, esordi a teatro poi il cinema e la televisione, ma anche istruttore di vela, cubano sottotraccia, militante del partito Comunista ed extraparlamentare, provocatore, esponente del sindacato attori, antesignano del Sessantotto.

Per lui, professionalità, etica e impegno politico erano princìpi imprescindibili. Ma cosa c’è oltre l’icona dell’attore contro?

Mirko Capozzoli scrive una biografia pubblica e privata di Volonté, in un libro arricchito da documenti e testimonianze inedite di Giovanna Gravina Volonté, Armenia Balducci, Carla Gravina e Tiziana Mischi.